Notizie e Comunicati

  • Comunicato del 9 novembre 2017

I PIR DI CA VITA PREMIATI AI FUTURE BANCASSURANCE AWARDS 2017

Il 7 novembre si è celebrata a Milano l’edizione 2017 dei “Future Bancassurance Awards”, evento che premia le Eccellenze nel mercato della Bancassicurazione in Italia, organizzato da EMFgroup  società di consulenza specializzata nel marketing dei servizi finanziari .

Nell’ambito dell’Innovazione di Prodotto, è stato assegnato il premio “Per l’innovazione della Gestione Multimanager dei prodotti Strategia PIR e Multi Pir Private”, a celebrazione dei due prodotti assicurativi PIR di CA Vita, dedicati al segmento Retail e Private, di recente lancio, e distribuiti dalle Banche del Gruppo Crédit Agricole Italia.

I premi sono stati ritirati dall’Amministratore Delegato di Crédit Agricole Vita, Marco Di Guida, e dal Vice Direttore Generale Retail e Private del Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia, Roberto Ghisellini.

 

 

  • Comunicato del 28 marzo 2017

ITALY PROTECTION AWARDS 2017

Il 27 Marzo 2017, nell’ambito della categoria “Premi per prodotti innovativi (identificati con attività di Business Intelligence)”, Crédit Agricole Vita e Crédit Agricole Assicurazioni hanno ricevuto il premio per l’innovazione del prodotto “Protezione Famiglia Multiprotection”.

 

  • Comunicato del 13 Marzo 2017

Informativa relativa alle “Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare (Legge 22 giugno 2016, n. 112)”.

A seguito dell’introduzione della Legge in oggetto, meglio conosciuta come “Dopo di noi”, Crédit Agricole Vita informa i propri Clienti di quanto segue.

Al fine di rafforzare le specifiche tutele previste a sostegno dei disabili privi del sostegno familiare, la misura prevede l’innalzamento dell’importo di premio detraibile a euro 750 con riferimento alle coperture assicurative aventi ad oggetto il rischio di morte finalizzate alla tutela delle persone con “disabilità grave”[1], ovvero essa riconosce una maggiore agevolazione sulle polizze assicurative stipulate a favore di beneficiari in condizioni di “grave disabilità”.

La norma è già efficace a decorrere dall’anno 2016.

Affinché la Compagnia possa comunicare all’Agenzia delle Entrate, anche ai fini della precompilazione della dichiarazione dei redditi[2], la spettanza della maggiore detrazione, si richiede al Contraente della polizza di assicurazione di segnalare a Crédit Agricole Vita se la copertura di assicurazione è stata stipulata per le finalità di particolare tutela prevista dalla legge “Dopo di Noi” mediante la compilazione del modulo allegato e, in tal caso, di trasmettere alla Compagnia idonea documentazione[3] comprovante i requisiti.

Il Contraente è altresì tenuto a comunicare alla Compagnia l’eventuale modifica delle condizioni di grave disabilità, in corso di contratto, oppure l’eventuale decesso del beneficiario, che facciano venir meno i presupposti per l’accesso alla maggiore detrazione.

Si evidenzia che il Contraente rimane responsabile della veridicità delle comunicazioni effettuate e del permanere della sussistenza delle condizioni per fruire della maggiore detrazione.

Per qualsiasi ulteriore approfondimento, è possibile contattare la Compagnia Crédit Agricole Vita, ai seguenti recapiti:

Telefono: +39 02 00640299 (sede amministrativa)

PEC: informazioni.ca-vita@legalmail.it  (oppure) E-mail: informazioni@ca-vita.it.

_______________________________________________________________

[1] Come definita dall’articolo 3, comma 3, della Legge 5 febbraio 1992, n. 104, accertata con le modalità di cui all’articolo 4 della medesima Legge.

[2]  Le comunicazioni pervenute saranno prese in considerazione dalla Compagnia ai fini della comunicazione dei dati all’Anagrafe tributaria, con riferimento ai premi versati a decorrere dall’anno 2017.

[3] Ovvero copia della certificazione attestante lo stato di grave disabilità del(i) beneficiario(i), verificato secondo le modalità stabilite dall’articolo 4 della Legge n.104 del 1992.

 

 

  • Comunicato del 15 Novembre 2016

FUTURE BANCASSURANCE AWARDS 2016

Il 14 Novembre 2016, Crédit Agricole Vita è stata premiata, nella categoria "Premi alle Società identificati con Business Intelligence - Innovazioni di Prodotto"  "per le opzioni di investimento Multi-Manager" del prodotto "Strategia Più".

 

  • Comunicato del 2 Novembre 2015

FUTURE BANCASSURANCE AWARDS 2015

Il 26 Ottobre 2015, a Crédit Agricole Vita è stato assegnato il Premio della Giuria definito con attività di Business Intelligence come "Miglior Bancassuratore nella Previdenza" nel settore Bancassicurazione Vita.

 

  • Comunicato del 1 Giugno 2015

Dal 1/07/2015 l'indirizzo della sede amministrativa di Crédit Agricole Vita sarà: Via Imperia 35 - 20142 Milano.

 

  • Comunicato del 4 Maggio 2015

MF Insurance & Previdenza Awards 2015

Nell’assegnazione degli Awards “Insurance & Previdenza", manifestazione indetta da Milano Finanza, nello scorso 28 Aprile 2015, Crédit Agricole Vita ha ricevuto il premio "TRIPLA A" riguardante i Fondi Pensioni Aperti, per il Fondo Pensione Aperto Linea Trebbia classe B e Linea Trebbia classe A.

 

  • Comunicato del 1 Aprile 2015

ITALY PROTECTION AWARDS 2015

Crédit Agricole Vita e Crédit Agricole Assicurazioni hanno vinto il 3° premio riconosciuto dalla Giuria come "MIGLIOR BANCASSICURATORE PROTECTION" nell'ambito della seconda edizione di "Italy Protection Award", tenutasi a Milano, il 31.03.2015.

 

  • Comunicato del 1 Luglio 2014

HOME INSURANCE

Siamo lieti di informare la gentile Clientela che, all’interno dell’ “Area Clienti” disponibile sulla Home Page del nostro sito internet www.ca-vita.it, è possibile consultare la propria posizione assicurativa relativa alle polizze in vigore (Provvedimento IVASS n. 7 del 16 luglio 2013).

Per l’attivazione dell’area riservata, è possibile cliccare sul pulsante “Area Clienti” in Home Page, selezionare il tipo di prodotto "Polizza Assicurativa", quindi effettuare una "nuova registrazione", in caso di primo accesso, oppure inserire le proprie credenziali di accesso (username e password), in caso di utenti già registrati.

All’interno dell'area riservata, sono contenute tutte le informazioni sui prodotti e sui dati assicurativi.

 

  • Comunicato del 2 Maggio 2014

FATCA, una norma che ha effetto sul Gruppo Crédit Agricole SA ed i suoi clienti

Contesto:

Il Foreign Account Tax Compliance Act (FATCA) è una normativa statunitense il cui obiettivo è combattere l'evasione fiscale deicontribuenti americani. L’Internal Revenue Service (IRS – Autorità fiscale americana) ha costituito una struttura per raccogliere, su base annuale, informazioni da parte di istituzioni finanziarie non americane, relativamente ai redditi conseguiti ed alle attività detenute da contribuenti americani al di fuori degli Stati Uniti d’America.

A partire dal 1 Luglio 2014, istituzioni finanziarie quali banche, compagnie assicurative vita, SGR, ecc. dovranno mettere in atto procedure per identificare i loro clienti americani. Nel corso dell'anno 2015, le istituzioni finanziarie, inizieranno a segnalare alle autorità fiscali americane l’identità ed il codice fiscale identificativo dei propri clienti americani, nonché il valore delle disponibilità al 31.12.2014. Ulteriori informazioni sul reddito, come i proventi derivanti dalla vendita di titoli, saranno aggiunte progressivamente alle segnalazioni previste per gli anni successivi.

Al fine di agevolare l’implementazione di FATCA un elevato numero di paesi, inclusa l’Italia, ha negoziato accordi intergovernativi con gli Stati Uniti. Tali paesi dovranno recepire nei loro ordinamenti nazionali gli obblighi di reporting fiscale in ambito FATCA. L’Italia in particolare ha firmato l’accordo inter governativo con gli Stati Uniti d’America in data 10/01/2014.

Posizione del Gruppo Crédit Agricole SA:

Il Gruppo Crédit Agricole SA ha deciso il pronto rispetto della normativa FATCA ed ha quindi istituito un gruppo di lavoro trasversale per l’implementazione di tale normativa. Tutte le istituzioni finanziarie, nell’ambito del Gruppo destinatarie della normativa FATCA, stanno lavorando per conformarsi alla stessa entro la data di entrata in vigore. Il Gruppo Crédit Agricole SA ha provveduto alla registrazione sul portale dell’IRS entro i termini previsti al fine di poter essere indicato come istituzione finanziaria conforme alla normativa FATCA nel primo elenco pubblicato dall’Internal Revenue Service.

Impatti per i clienti:

Il Gruppo Crédit Agricole SA, nel caso in cui fossero riscontrati uno o più indizi di americanità secondo quanto previsto dalla normativa FATCA, contatterà i propri clienti persone fisiche al fine di verificare la loro situazione di conformità alla normativa FATCA e per ottenere, se necessario, l’adeguata documentazione a comprova dello status di cittadino statunitense o di residente fiscalmente negli Stati Uniti. Le società quotate e le loro controllate, nonché le società industriali e commerciali sono esenti da tale normativa. Tuttavia le società per le quali la maggior parte dei ricavi provenisse da attivi finanziari o, nel caso in cui più del 50% del bilancio risultasse costituito da attivi finanziari, saranno soggette all’analisi dei loro assetti proprietari. Nel caso in cui il titolare fosse un cittadino americano, ovvero un residente negli Stati Uniti ai fini fiscali, lo stesso dovrà fornire il suo codice fiscale americano. Il Gruppo Crédit Agricole SA potrà pertanto trovarsi nella necessità di dover contattare i propri clienti persone giuridiche per la verifica del loro status a fini FATCA.

A partire dal 1° Luglio 2014, all’apertura di un nuovo rapporto, rientrante nel perimetro di applicazione della normativa il Gruppo Crédit Agricole SA raccoglierà informazioni sui propri clienti, permettendo l'identificazione degli stessi come cittadini americani o residenti negli Stati Uniti ai fini fiscali. Ai clienti americani, verrà richiesta la documentazione necessaria per la segnalazione all’IRS. Per le nostre controparti, che siano istituzioni finanziarie o clienti di paesi che non hanno sottoscritto un accordo intergovernativo, sarà applicata una ritenuta fiscale del 30% su determinati redditi di provenienza americana, in caso di non conformità a FATCA . Inoltre, l'importo totale dei pagamenti effettuati a istituzioni finanziarie non aderenti (alla normativa FATCA), nel corso del 2015 e 2016, sarà segnalato all’IRS.

 

  • Comunicato del 2 settembre 2013

HOME INSURANCE

Siamo lieti di informare la gentile Clientela che dal 1° novembre 2013, all’interno dell’ “Area Clienti” disponibile sulla Home Page del nostro sito internet www.ca-vita.it, è possibile consultare la propria posizione assicurativa relativa alle polizze sottoscritte dal 1 settembre 2013 (Provvedimento IVASS n. 7 del 16 luglio 2013).

Per l’attivazione dell’area riservata, dal 1° novembre 2013 è possibile accedere alla sezione “Area Clienti” all’interno della quale sono contenute le istruzioni per abilitare l’accesso, nonché tutte le informazioni sui prodotti e dati assicurativi.

Per quanto riguarda i contratti sottoscritti anteriormente al 1 settembre 2013, come previsto dalla normativa, la Compagnia provvederà a fornire specifica informazione ai Contraenti in merito all’attivazione dell’area riservata entro i primi sei mesi del 2014.

 

  • Comunicato del 19 giugno 2013

Rimborsi agli aventi diritto delle polizze “dormienti” affluite al Fondo “Rapporti Dormienti”

Si informa che IVASS, con lettera al mercato del 14 giugno 2013, ha segnalato alle imprese di assicurazione sulla vita che il Ministero dello Sviluppo Economico, in collaborazione con la Concessionaria servizi assicurativi pubblici (Consap S.p.A.), ha riaperto i termini del bando per il rimborso delle polizze vita "dormienti" prescritte nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2007 e il 28 ottobre 2008, estendendo il periodo di rimborso alle polizze prescritte fino al 31 dicembre 2009.

Il Ministero e la Consap hanno pubblicato sui propri siti internet (www.sviluppoeconomico.gov.it e www.consap.it) le modalità e i termini per la presentazione delle domande di rimborso che possono essere inviate direttamente dai consumatori a Consap dal 13 giugno 2013 sino al 13 settembre 2013 per le polizze vita prescritte che soddisfano le seguenti condizioni:
1. evento (morte dell'assicurato o scadenza della polizza) che determina il diritto a riscuotere il capitale assicurato, intervenuto successivamente alla data del 1° gennaio 2006;
2. prescrizione del diritto intervenuta anteriormente al 31 dicembre 2009;
3. rifiuto della prestazione assicurativa, da parte dell'impresa di assicurazione, per effetto della suddetta prescrizione e conseguente trasferimento del relativo importo al Fondo "Rapporti dormienti".

Per ottenere il rimborso delle somme è richiesta l’attestazione del rifiuto ad erogare l’importo che dovrà essere rilasciata dall’impresa di assicurazione, previa richiesta del cliente, conformemente al modello pubblicato sui siti del Ministero dello Sviluppo Economico e della Consap S.p.A.

In considerazione di quanto sopra si informa che Crédit Agricole Vita S.p.A. trasmetterà tempestivamente, e comunque entro il 30 giugno 2013, ai soggetti interessati (titolari/beneficiari delle polizze dormienti), che abbiano ricevuto il rifiuto alla liquidazione delle prestazioni in quanto devolute al Fondo "Rapporti dormienti", una comunicazione, corredata della relativa modulistica, contenente le modalità per ottenere il rimborso delle somme devolute al Fondo.

Il presente comunicato è pubblicato sul sito internet dell'impresa di assicurazione:

www.ca-vita.it.

 

  • Comunicato del 7 Gennaio 2013

IVASS

Dal 1° gennaio 2013, l'IVASS - Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni - è succeduto in tutti i poteri, funzioni e competenze dell'ISVAP.

L'istituzione dell'IVASS, ai sensi del decreto-legge 6 luglio 2012 n. 95 (Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizio ai cittadini), convertito con Legge 7 agosto 2012 n.135, è volta a garantire la piena integrazione dell'attività di vigilanza assicurativa attraverso un più stretto collegamento con quella bancaria.

Secondo lo Statuto, gli organi dell'IVASS sono:

  • il Presidente, nella persona del Direttore Generale della Banca d'Italia (attualmente il Dott. Fabrizio Saccomani);
  • il Consiglio, che si compone del Presidente e di due Consiglieri;
  • il Direttorio integrato, costituito dal Governatore della Banca d'Italia, che lo presiede, dai membri del Direttorio della Banca, e dai due Consiglieri.

Per maggiori informazioni, consultare il sito internet www.ivass.it